Il triangolo?Perchè No

Il triangolo?Perchè No

Tentazioni

La prima volta che feci sesso a tre rimasi eccitata per settimane e settimane, come una cagna in calore guaivo dalla voglia di rifarlo eppure, per Simone, il mio compagno d’avventure, non era stato facile convincermi; conosceva le mie fantasie anche se temevo che la realtà mi avrebbe deluso e non volevo ancora andare oltre ma lui insistette tanto che mi convinse a provare con un suo amico che non conoscevo.

Lo sconosciuto

Ero molto perplessa ma quando arrivai a casa di questo sconosciuto insieme al Simone mi ritrovai davanti Alessandro, un uomo da favola tanto che dissi a Simone, ironicamente, che se voleva poteva pure andare. Fummo noi a recarci da questo Adone mentre io ripetevo che qualsiasi cosa non mi fosse andata a genio mi sarei fermata ma lui era sereno, infatti, fu un’esperienza meravigliosa che non dimenticherò mai: quell’ebbrezza indicibile, i cazzi che si alternavano, il doppio piacere quando entrambi mi penetrarono senza più ritegno. Iniziavo a capire quanto può divertirsi una puttana. Questo mi diede il coraggio per andare oltre, quel triangolo aveva ridimensionato la paura delle brutte esperienze.

Peccati cinematografici

E così, una volta andai al cinema da sola e mi sedetti a fianco ad un uomo, dopo un po’ un altro mi si affiancò. Io portavo una gonna molto corta e delle parigine che lasciavano intravedere quel tanto di coscia che porta alla zona pubica, mi levai la giacca e sotto indossavo una maglia adente con scollo a v e niente reggiseno così che si notassero i capezzoli. Il cinema era semivuoto e coloro che avevo a fianco, dopo un perverso gioco di sguardi da me iniziato, capirono di poter osare e iniziarono a infilarmi le mani tra le cosce e poi tra le tette. Gemevo sommessamente ma non mi contenevo quasi più. I loro cazzi sporgevano come montagne e presi ad accarezzarli.

Il piacere era troppo, tanto che andammo verso il bagno dove riuscirono a farmi una bella doppia e poi li feci venire sulle mie tette. Uno mi afferrò per i capelli costringendomi a specchiarmi: «Guardati troia, ti piace andare in cerca di cazzi vero zoccola?» E come negarlo? Finito l’amplesso, uno dopo l’altro uscimmo dal cinema e di loro non seppi più nulla ma io mi era sentita, per la prima volta, la protagonista di quei film porno che mi eccitavano tanto.

Amarcord

Alessandro e Simone li rividi a distanza di una decina di anni e facemmo una rimpatriata; Alessandro, al cui nome accompagnavo l’appellativo de “il Grande” come lo fu il condottiero Magno, era sempre bellissimo come lo ricordavo, e Simone sempre connesso ai miei gusti; facemmo anche una gang con tre sconosciuti che mi presero in tutti i modi, quattro cazzi tutti per me, una goduria inequiparabile. La mia prima gang bang condita con un po’ di amarcord. Era giunta l’ora di crescere con i numeri.

Valentina Neri
valenneri@tiscali.it

Valentina Neri, scrittrice, poetessa, sceneggiatrice, saggista, tradotta in otto lingue, laureata in Storia dell'Arte, ha ricevuto anche una Laurea Honoris causa da un'università americana. Nei suoi testi l'erotismo e la sessualità rivestono sempre un ruolo importante. Voleva solo fare una gang bang e si è ritrovata curatrice del libro "GangWhite senza Veli". Spero possiate apprezzare i miei racconti sempre e solo veri.

No Comments

Post A Comment